TRENTOMUSICANTICA 2010dal 09/09/2010 - al 12/11/2010

organizzatore IL VIRTUOSO RITROVO Presidente: Antonio Cembran Progetto e cura artistica:DANILO CURTISALVATORE DE SALVOROBERTO GIANOTTIMARCO GOZZI
e-Mail  
note Il Festival Internazionale TRENTO MUSICANTICA è giunto alla ventiquattresima edizione ed è rivolto quest'anno in particolare a far riscoprire le gioiose sonorità della I musica di corte, nelle città, nei castelli e nelle Accademie italiane tra Trecento e Seicento. Per questo quasi tutti gli appuntamenti del Festival saranno ospitati nella magnifica cornice del Castello del Buonconsiglio, residenza principesca che più di ogni altra sa evocare le festose atmosfere della musica d'arte dei secoli passati. Ma altre suggestioni entrano in gioco: la danza, il simbolismo medievale, l'arte figurativa (in occasione dei quattrocento anni dalla morte di Caravaggio), l'«altro gregoriano», ossia il canto liturgico tardo (cantus planus e cantus fractus), la storia della musica locale. Il calendario si apre con la suggestiva proposta degli ottoni dell'Ensemble Girolamo Frescobaldi, che ripercorre due secoli di 'Canzoni' strumentali, Suites e Danze dal Rinascimento al Barocco e prosegue con i “Balli e meravilie nove” del gruppo La Rossignol, che faranno rivivere la danza rinascimentale, accompagnata da canti e suoni leggiadri, nella loggia del Romanino. Il gruppo LaReverdie ci accompagna poi in un insolito viaggio stellare ricco di immagini e suggestioni attraverso alcuni dei generi musicali più raffinati che il Medioevo musicale ci abbia consegnato, mentre all'arte di Caravaggio è dedicato il concerto dell'ensemble Odhecaton, che ripropone da un lato gli esempi musicali effettivamente dipinti sui quadri e dall'altro le musiche celebrative dei grandi committenti romani del pittore. Il ciclo 'cortese' è chiuso dal concerto del Virtuoso Ritrovo, che proporrà una scelta delle migliori composizioni vocali in uso nelle corti e nelle accademie italiane del Cinquecento, con frottole, giustiniane, greghesche, villanelle, villotte e madrigali. Accanto alle tradizionali proposte concertistiche il Festival accoglie anche quest'anno l'evento, unico nel panorama internazionale, del corso sul canto liturgico intitolato Zelus domus tuae comedit me, in omaggio a Laurence Feininger, giunto alla sua terza edizione e quest'anno arricchito dalla presenza di due illustri docenti spagnoli. Se il titolo latino del corso (“Lo zelo per la tua casa mi divora”, tratto dal Sal. 69, 10 e ripreso in Gv 2, 16-17) è facilmente spiegabile e comprensibile, dato che si tratta del motto di Laurence Feininger ed indica un'ideale continuità con la passione che animava il grande sacerdote tedesco stabilitosi a Trento, un poco più criptico è il sottotitolo, «L'altro gregoriano», che dice una cosa semplice: il canto cristiano liturgico in latino non coincide con quello che viene oggi comunemente chiamato e considerato 'gregoriano', vi sono molte espressioni di questo canto, per molti anni trascurate dalla ricerca e dalla viva prassi liturgica, che meritano di essere studiate e nuovamente proposte all'ascolto e nuovamente accolte nel loro ambiente naturale: la liturgia. Queste espressioni rappresentano «l'altro gregoriano». Il seminario si configura dunque come la prima esperienza didattica a livello internazionale dedicata al canto cristiano liturgico nel suo complesso, con particolare attenzione ai secoli dal XIV al XVIII, non trascurando il ruolo dell'organo nella sua interazione col canto. Cinque secoli di esperienza liturgica quasi completamente banditi dalla riflessione musicologica ed esclusi dalle chiese: un tesoro inestimabile di bellezza e di cultura che merita di essere riscoperto e reso nuovamente suono vivo nella sua dimensione originaria di preghiera, all'interno della liturgia, per la gloria di Dio. Il seminario sarà inaugurato dal concerto che celebra i dieci anni del gruppo vocale Laurence Feininger, con brani tratti dalle incisioni storiche del gruppo. Il concerto che chiude il Festival apre invece una felice collaborazione con il Dipartimento di Musica Antica del Conservatorio “F.A. Bonporti” di Trento, cui afferiscono illustri personalità nel campo della prassi esecutiva e dell'esecuzione storicamente avveduta. Il Dipartimento offrirà al pubblico del Festival una antologia significativa della musica sacra nella regione tridentina dalla fine del Duecento ai primi anni del Seicento, esplorando manoscritti ed edizioni che testimoniano l'alta qualità e la grande varietà delle composizioni che risuonavano nelle chiese e nei conventi della regione nel Medioevo e nel Rinascimento. Anche quest'anno, dunque, il Festival offre un calendario particolarmente ricco, che affronta momenti nuovi e significativi della storia musicale dal Trecento al Settecento e che vede la partecipazione di gruppi specializzati di alto valore artistico. Marco Gozzi


CARAVAGGIO E LA MUSICA

concerto: CARAVAGGIO E LA MUSICA
data/ora data: 15/10/2010 / ora: 21:00:00
citt�
via
luogo
Trento
Castello del Buonconsiglio
gruppo: ODHECATON Direttore: Paolo Da Col
Tipo di Musica: Nel 400° anniversario della morte di Michelangelo Merisi Prima parte: la musica dei dipinti Mottetto raffigurato nel 'Riposo durante la fuga in Egitto' NOEL BALDUIN, Quam pulchra es et quam decora Versione per ensemble vocale Versione per violino e strumenti Madrigali raffigurati nel 'Suonatore di liuto' (versione commissionata dal Cardinale Del Monte, collezione privata): FRANCESCO DE LAYOLLE, Lasciar il velo JACQUET DE BERCHEM, Perché non date voi GIOVANNI PIERLUIGI DA PALESTRINA, Ave Maria (versione diminuita per strumenti) Madrigali raffigurati nel 'Suonatore di liuto' (versione commissionata da Vincenzo Giustiniani e conservata a S. Pietroburgo) JACQUES ARCADELT, Chi potrà dir quanta dolcezza prova JACQUES ARCADELT, Se la dura durezza in la mia donna dura JACQUES ARCADELT, Voi sapete ch'io v'amo JACQUES ARCADELT, Vostra fui e sarò mentre ch'io viva Seconda parte: la musica romana al tempo di Caravaggio e i committenti GIOVANNI FRANCESCO ANERIO, Gagliarde XI e VII (da Gagliarde a quattro voci intavolate per sonare sul cimbalo et sul liuto Libro primo, Roma, senza data) RUGGERO GIOVANNELLI, Son le risa RUGGERO GIOVANNELLI, Non son risa, risposta (ded. al Cardinal Del Monte) GIOVANNI BERNARDINO NANINO, Si come ognor (da GIOVAN PIETRO FLACCOMIO, Le risa a vicenda: vaghi e dilettevoli madrigali a cinque voci, Venezia, Giacomo Vincenzi 1598) GIROLAMO FRESCOBALDI, Toccata VII GIROLAMO FRESCOBALDI, Toccata per spinettina e violino LELIO BERTANI, Tu dormi Apollo (prima parte) / Tu sei pur quel (seconda parte) LELIO BERTANI, Sonetto fatto sopra un Apollo che dorme fatto dall'Eccellente Pittore N. (da Sonetti Novi di Fabio Petrozzi Romano, sopra le Ville di Frascati, & altri, posti in Musica a cinque voci da diversi Eccellenti Musici, Roma, Gio. Battista Robletti, 1609) GIROLAMO KAPSPERGER, Corrente Quinta GIROLAMO KAPSPERGER, Toccata Prima GIROLAMO KAPSPERGER, Canario (da Intavolatura di chitarrone Libro Quarto, Roma, 1640) GIUSEPPE OLIVIERI, Su, pastorelle vezzose e belle (Villanella concertata a cinque) (da La pastorella Armilla variamente cantata a una, a due, e tre voci, Roma, 1620; ded. al Cardinal Del Monte)
suonatori: Alessandro Carmignani controtenore Andrea Arrivabene controtenore Paolo Fanciullacci tenore Giovanni Dagnino basso Valerio Losito violino Andrea Damiani liuto e tiorba Andrea Coen clavicembalo
note: Il programma prende lo spunto dalle musiche riprodotte da Caravaggio nei suoi quadri per poi proseguire con un affresco della vita musicale romana dell'epoca, così come era vissuta in prima persona dai due principali protettori del pittore: il cardinale Del Monte (Francesco Maria Bourbon del Monte Santa Maria, 1549-1627) e il marchese Vincenzo Giustiniani (1564-1637). È un viaggio che parte dal mondo del madrigale e del liuto rinascimentale (legato ancora al linguaggio polifonico e ad un'atmosfera di classicità) e giunge alla nascita del basso continuo e all'introduzione di nuovi strumenti che affiancano le voci con funzioni concertanti e di accompagnamento. Una rivoluzione di generi, stili, prassi, che in pochi anni trasforma la musica europea.